Belgio

Belgio insolito: alla ricerca dei Troll del Tomorrowland.

” Fate, gnomi e folletti

Timidi e discreti attendono di essere notati

A volte dispettosi forse un po’ contrariati

Quasi più nessuno gli crede.

Cercano un contatto e se ascoltati si palesano.” 

A. Ambrosio

Non è solo waffle, patatine fritte e Bruxelles. Questo splendido paese custodisce infatti tantissimi posti sconosciuti ai più. Io mi sono prefissa l’obbiettivo, da quando mi sono trasferita qui, di scovare i luoghi insoliti e poco conusciuti in Belgio. Di uno di questi parleremo proprio in questo articolo.

Quale? -rullo di tamburi 🥁 – Un bosco incantato!
Al suo interno alcune creature si nascondono timide. Se siete curiosi di saperne di più continuate con la lettura 😉

DOVE SI TROVANO QUESTE MAGICHE CREATURE?

I nostri particolari amici “vivono” all’interno del Parco comunale  « Van De Schorre Boom » che dista circa 40 minuti da Bruxelles.
A primo impatto il nome di questo parco potrebbe non ricordarvi nulla di speciale, anzi sono sicura che, proprio ora starete pensando di non averlo mai sentito nominare prima. E se invece vi dicessi che proprio qui si tiene uno dei festival musicali più famosi del mondo, vi verrebbe in mente qualcosa? Nel dubbio ve lo dico io.
É in questo parco sconosciuto ai più che, ogni anno, si svolge il «Tomorrowland ».

UN PO’ DI STORIA

Nel 2019, per festeggiare i 15 anni del Tomorrowland, gli organizzatori del festival hanno deciso di fare un regalo davvero particolare: creare la “Magical Troll Forest”.
Sotto richiesta del Tomorrowland all’artista Danese Thomas Dambo è stata commissionata la realizzazione di questo progetto.

Il Belgio non è il primo posto dove queste fiabesche creature hanno fatto capolino. In precedenza questo artista ha creato altri Troll che sono sparsi in tutto il mondo, da Copenaghen alla Florida e nella Corea del Sud, per nominarne alcuni.

Questa non è la prima volta che gli organizzatori del festival celebrano un anniversario in modo così originale.
Nel 2014 infatti è stato fatto costruire un ponte pedonale e ciclabile, permanente, chiamato “One World” che incorpora 210.000 messaggi ricevuti da persone di tutto il mondo. E, come viene spiegato sul sito, è considerato un vero e proprio ponte tra culture, natura, musica ed arte

I TROLL DEL TOMORROWLAND

Per la realizzazione di questi giganti buoni, Thomas Dambo, ha utizzato solo materiali di riclaggio come ad esempio vecchie pedane  o bancali in legno, alberi caduti, rami e legno di recupero.

I troll del Tomorrowland, in totale, sono 7 e si dice che “Nonostante siano dei veri e propri giganti, alti tra i 4 ed I 18 mt, e sembrino un po’ minacciosi, queste curiose creature sono in realtà  dolcissime e non farebbero male ad una mosca”.

Alcuni di loro sono impegnati in faccende e lavoretti domestici, c’è chi cuce e chi raccoglie l’acqua per esempio, altri invece si rilassano nella tranquillità della natura.

TROVARLI TUTTI

Inizialmente ero convintissima che, trovarli tutti, sarebbe stata una passeggiata. Mi sentivo come  « Ash Ketchum » con i Pokemon: volevo  “Catch them all” ovvero catturarli tutti ahahah. Mai previsione fu più sbagliata!

È stata solo una volta arrivata al Parco Vand de Schorre Boom che mi sono resa conto di quanto immenso fosse il bosco e che trovarli tutti non sarebbe stata un’impresa semplice.
I primi due sono stati i più facili da trovare, dopodichè per un bel po’ il nulla. Abbiamo camminnato un quarto d’ora senza trovare niente.
Io ero dell’idea che, visto che I troll vivono nascosti nella foresta, ci saremmo dovuto avventurare un po’ fuori dai sentieri pedonali ma Nico non la pensava come me. Per fortuna abbiamo incontrato due bambini in compagnia del nonno che erano dei veri e propri esperti e ci hanno dato qualche dritta su dove trovarne altri troll.

Alla fine siamo riusciti a trovarne 6 su7 , direi che è andata abbastanza bene no?
Ci toccherà tornare un’altra volta per trovare l’ultimo 😉

PERCHÉ VISITARE IL PARCO DEL TOMORROWLAND

Che dire, che siate grandi che viaggiano con piccolI o semplicente grandi che vogliono viaggiare un po’ con la fantasia, questo è il posto perfetto per lasciarsi andare un po’ e tornare bambini.

Noi , come direbbe il caro Russel (protagonista del film Disney « Up »), ci siamo sentiti come degli « esploratori della natura selvaggia » e, mentre cercavamo i Troll del Tomorrowland, per un attimo ci è sembrato di essere i protagonisti di un libro delle fiabe.

Se visiterete in Belgio ed  avrete un po’ di tempo a disposizione, e perchè no magari anche un auto (un’opizione decisamente più veloce del bus), questo parco non dovrebbe assolutamente mancare nel vostro itineriario di viaggio!

*TRAVEL TIPS*

_ Per raggiungere il parco da Bruxelles ci vogliono circa 40 minuti di auto, mentre col bus bisogna effetuare un cambio e ci vuole all’incirca 1 e 20.

_ Il parco è grande, per girarlo con calma e trovare tutti i troll, contate una mezza giornata. Io vi consiglio di portarvi il pranzo al sacco ed organizzare un bel picnic 😉

_ D’estate c’è uno splendido locale sul lago aperto dove ci si può rilassare per un aperitivo o fare una cenetta romantica.

_ Non abbiate paura di perdervi ed avventurarvi tra gli alberi, il brivido dell’avventura rende tutto più divertente!
( E poi il parco è davvero molto tranquillo e sicuro)

ALTRI POSTI INSOLITI IN BELGIO

Come vi accennavo all’inizio dell’articolo ci sono altri posti particolari ed interessanti qua in Belgio.
Vi faccio qualche esempio: Doel, una città “fantasma”; Un campo di lavanda che vi farà sentire come in provenza; una visita a Borgloon dove c’è una “chiesa” dalla quale guardare attraverso.

Vi è già capitato di visitare un posto del genere ? Fatemelo sapere nei commenti se vi va.

Sharing is caring:

2 Comments

  • Fabio

    Questo parco sarà una delle cose che vorrò vedere quando tornerò in Belgio. Mister G si stancherà nel ricercare tutti i Troll del Tomorrowland ma io sarò impietoso 🙂

  • Valentina

    Adoro questi posti un po’ fiabeschi e mi attira tantissimo andare a caccia di tutti i troll! Essendo così vicino a Bruxelles me lo segno per quando riuscirò ad organizzare un viaggetto lì 😊

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *