Calabria,  Europa,  Italia

Calabria d’amare. Cosa vedere a Tropea e Pizzo Calabro.

“Calabria, mia cara Calabria
dolce terra baciata dal mar
tu sei ricca soltanto di sole
dell’azzurro, del cielo del mar”.
(I bronzi di Calabria)

La Calabria è tutto questo e molto altro ancora, ogni volta che ne parlo  mi si scalda un po’ il cuore. Sarà perchè è la terra dei miei genitori, sarà perchè ogni volta che scendo le persone mi fanno sentire come a casa ma, quando sono lì,  vorrei che il tempo si fermasse. Sono i viaggi come questo, quelli dietro l’angolo, che regalano più sorprese e che davvero amo.

***

Quest’estate ho passato qualche giorno tra Pizzo Calabro e Tropea, questa zona  in provincia di Vibo Valentia è anche chiamata “Costa degli dei” o “Costa bella“, 55 km di coste paradisiache. Come ci spiega il sito  Biocalabria, la Costa è detta Bella per i suggestivi panorami e per le vicine Isole Eolie, degli Dei perché evoca immaginari onirici: mare trasparente, fondali ricchi di meravigliose forme viventi e  spiagge bianchissime.

Pizzo Calabro

Il primo giorni ci siamo dedicati alla scoperta di Pizzo Calabro e, oltre alle splendide spiagge dal mare cristallino, ci sono diverse cose interessanti da vedere:

Chiesa di Piedigrotta

Se come me siete di strada per andare a Tropea una sosta a Pizzo non può assolutamente mancare. Noi siamo arrivati  verso l’ora di pranzo e la prima tappa è stata la La Chiesa di Piedigrotta A primo impatto non lascia particolarmente colpiti, ma una volta all’interno è tutta un’altra cosa! Le statue presenti all’interno della Chiesa sono pezzi unici e sono state realizzate nella roccia intorno 1880 dalla famiglia Barone.

Si racconta inoltre che intorno al 1600 una terribile tempesta colpì un veliero che trasportava il quadro della Madonna causandone il suo naufragio.  Il quadro venne recuperato sulla spiaggia di Malfarà e fu portato nella grotta vicina ma, a seguito di altre mareggiate, il dipinto fu ritrovato nuovamente nel punto in cui era avvenuto il primo naufragio. Questo venne preso come un segno e fu così che la piccola grotta fu trasformata in chiesa.

Il costo dell’entrata alla chiesa di Piedigrotta è di 3 euro o 4,50 con l’entrata al Castello Murat. Dopo aver visitato la chiesa vi consiglio di scendere la scalinata che porta al mare. L’acqua è cristallina, non c’è tanta confusione, le rocce vi faranno un po’ di ombra per ripararvi dal sole e non vi resterà altro da fare se non un bel tuffo nel mare!

Lungomare di Pizzo

Dopo esservi rilassati vi consiglio di fare una passeggiata sul lungomare di pizzo. Qui, tra botteghe di prodotti tipici e negozietti che vendono i souvenir più disparati, sarà impossibile resistere alla tentazione di comprare qualche delizia locale e/o qualche souvenir per la vostra collezione.
Il momento migliore per godersi una passeggiata sul lungomare è sicuramente il tramonto. Quando cielo e mare diventano un tutt’uno “colorandosi” con sfumature magnifiche. Dal lungomare inoltre godrete di una splendida vista sul paese e sul castello Murat (io purtroppo sono arrivata tardi e non sono sono riuscita a visitarne gli interni).

Centro Storico di Pizzo Calabro

Non lontano dal lungomare troverete una scalinata che vi condurrà fino al centro storico.  Passerete per vicoli stretti  dove il profumo di buono uscirà dalle finestre ed i panni stesi ai balconi incorniceranno gli edifici della città. Una volta arrivati in cima ad accogliervi troverete Il collezionista di venti“, una scultura realizzata in rete metallica. Un’opera che riesce a catturare lo sguardo, la curiosità e lo stupore dei passanti, soprattutto al tramonto, quando sembra volgere il suo sguardo all’orizzonte. 

Una volta in cima la bellezza del centro storico e l’incredibile vista sul golfo di Sant’Eufemia vi lasceranno senza fiato.  Vi consiglio di “perdervi” tra i vicoli del centro camminando tra le sue botteghe ed  i negozietti di artigianato.

Dove e cosa mangiare

A questo punto probabilmente inizierete a sentire un certo languorino e quindi vi consiglio di mangiare da “La Cuocarina“,  un delizioso ristorantino in paese, io sono stata più che soddisfatta, i panini erano deliziosi e la frittura di pesce una bomba! Ma veniamo al dunque, dove assaggiare il famoso tartufo di Pizzo? Avrete l’imbarazzo della scelta a dire il vero, perchè tutti i bar  in Piazza della Repubblica  ne offrono di deliziosi, io ho provato quello al pistacchio da “Bar Gelateria Ercole” e ragazzi le mie papille degustative erano in festa, avrei voluto che il mio tarufo non finisse mai! 

Tropea

Con Tropea è stato amore a prima vista, è un borgo medievale che sorge su una roccia  a strapiombo sul mare. Vi consiglio di iniziare il vostro viaggio qui, nel centro storico, passeggiando tra i suoi vicoletti pieni di ristoranti, antichi palazzi addobbati di fiori e bouganville e curiosando tra le  sue deliziose botteghe dove vi imbatterete  nell’immancabile cipolla di Tropea e nella piccantissima ‘Nduja di spilinga.

Piazza del cannone e “affaccio” panoramico

Partendo da piazza del cannone, dove subito vi ritrovere di fronte ad una veduta a dir poco mozzafiato, continuate a camminare seguendo  Corso Vittorio Emanuele in direzione del famosissimo Affaccio, ovvero il punto da cui potrete ammirare Tropea in tutta la sua bellezza, dove i raggi del sole rendono l’acqua trasparente e no, non è un effetto di photoshop, quello che vedete è tutto vero.

Quella che vedrete sotto di voi  è la Spiaggia della Rotonda una delle più belle spiagge di Tropea dove dovrete assolutamente fare un tuffo.

Santuario di Santa Maria dell’Isola

Dall’affaccio è inoltre possibile osservare il santuario di S. Maria dell’Isola, simbolo di Tropea. Un monastero  di origine medievale costruito sulla punta di uno scoglio e collegato alla terraferma da una lingua di sabbia. Per arrivarci potete scendere lungo la scalinata vicino Piazza Cannone. Una volta arrivati in cima ed aver visitato la chiesa, potrete dare un’occhiata ai giardini a strapiombo sul mare. Il costo del biglietto è di soli 2 euro.

Centro storico di Tropea

Vi consiglio poi di proseguire la passegiata perdendovi tra i tanti  vicoli e le botteghe del paese. Quelle che mi hanno colpito di più sono: “L’anfora ceramiche” , che vende ceramiche dipinte a mano i cui toni caldi ricordano il colore delle terre del mediterraneo, e  “La casetta del piccantino” che è un po’ nascosta e, oltre a vendere deliziosi prodotti tipici, è super instagrammabile! Inoltre per combattere il caldo cosa c’è di meglio di un buonissimo gelato al pistacchio? (si, se non lo aveste ancora capito adoro il pistacchio ahahah) da “Enjoy Gelateria“ne ho assaggiato uno davvero squisito e ci sono tornata per 2 giorni di fila 🙂

Duomo di Tropea

Io ho proseguito la passeggiata fino al Duomo di Tropea o meglio fino alla Cattedrale di Maria Santissima di Romania non sono entrata ma mi hanno detto che l’ingresso è gratuito e l’interno molto bello quindi, se avete un po’ di tempo in più, penso meriti una visita.
Inoltre alle spalle del Duomo c’è un bellissimo punto panoramico con vista sulle campagne del paese.

Spiaggia

Io in spiaggia ci sono andata al tramonto e sarò sincera, non mi sono fatta la camminata a piedi, sono scesa in macchina e trovare parcheggio vicino alla spiaggia è stato semplicissimo (probabilmente perchè non era weekend). Definire l’acqua cristallina è dire poco, al tramonto poi tutto si colora di magnifici riflessi dorati e mentre i pesci vi nuoteranno intorno non potrete  fare altro che godervi la magia di quel momento.

*Consiglio extra*

Escursione in barca

Se avete a disposizione più di 2 giorni non perdete l’occasione di fare delle escursioni in barca, da Tropea ne partono diverse sia per le Isole Eolie sia  per Capo Vaticano. Non avendo a disposizione molto tempo noi abbiamo optato per l’escursione con snorkeling nelle grotte di Tropea e  Capo Vaticano. Potete fare i biglietti in una delle agenzie del centro storico, per le isole Eolie i prezzi della crociera di un giorno si aggirano intorno ai 35-45 euro mentre per quella a Capo Vaticano ho pagato 25 euro. Un prezzo decisamente abbordabile per un’espierenza davvero divertente.

Non so perchè la Calabria sia ancora una meta un po’ sottovalutata dalla maggior parte delle persone ma, posso assicurarvi che, se le darete una possibilità  capirete di cosa parlo quando vi dico che è una terra che vi entra nel cuore e vi chiederete perchè ci avete messo così tanto a visitare  questa sorprendente regione.  È proprio vero che la Calabria è una terra d’amare!

Che mi dite, non vi è venuta voglia di partire? Potete trovare tantissime offerte sul sito di momondo!

#admomondo #owtravelers

Sharing is caring:

4 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *